Tra gatti magici e versi poetici del Belli, una Pasquetta romana dentro casa

Editor e Copy Cristian Arni

La poesia la stiamo trattando sempre più spesso, qui su CHPO, sia mai un segnale?! Il nostro Capo redattore, Dott. Arnaldo Gioacchini, ha voluto allietarci questa Pasquetta casalinga, con dei versi, quelli del poeta romano per eccellenza: G.G.Belli, un tresteverino DOC, proprio come il nostro amico Gioacchini, che anche nel cognome ha delle assonanze con il poeta romano. Insieme a questi versi, v’è anche un giochetto divertente, Il gatto illusionista, che vi pubblichiamo, forse molti di voi già lo conosceranno, ma magari qualcun’altro potrebbe rilassarsi qualche minuto e allora…prendiamoci qualche istante di spensieratezza, che ci vuole e ancora a tutti, Buona Pasquetta.

 

 

 

     Accussì và er monno- di G.G:Belli

 Quanto sei bbono a stattene a ppijjà 
Perché er monno vô ccurre pe l’ingiù:
Che tte ne frega a tté? llassel’annà:
Tanto che speri? aritirallo sù?
              
     Che tte preme la ggente che vvierà, 

Quanno a bbon conto sei crepato tu?
Oh ttira, fijjo mio, tira a ccampà,
                                                                                       E a ste cazzate nun penzacce ppiù.
              
                                                                                       Ma ppiú de Ggesucristo che ssudò
                                                                                        ’na camiscia de sangue pe vvedé
                                                                                        De sarvà ttutti; eppoi che ne cacciò?
              
     Pe cchi vvò vvive l’anni de Novè
Ciò un zegreto sicuro, e tte lo dò:
Lo ssciroppetto der dottor Me ne…

 

 

 

IL GATTO ILLUSIONISTA

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.