Torna a Roma il MedFilm Festival, giunto alla 25ma edizione.

a cura di Cristian Arni
Lo sguardo al Mediteranneo, il Mare Nostrum, crocevia di culture e genti in un incontro attraverso il Cinema per raccontare storie che parlano di Noi, donne e uomini, destini incrociati che convergono in più punti. Questo è il MedFilm Festival giunto alla sua 25ma edizione che si terrà a Roma dall’8 al 21 Novembre in alcune importanti location della Capitale. Ad aprire il festival Il paradiso probabilmente di Elia Suleiman, Menzione Speciale della Giuria al Festival di Cannes 2019. Per ulteriori approfondimenti e il programma della manifestazione vi rimandiamo al Manifesto qui sotto invitandovi a visitare il sito web del Festival: https://www.medfilmfestival.org
L’immagine è tratta dal libro Terraneo di Marino Amodio e Vincenzo Del Vecchio, edizione spagnola © 2017 Editorial Luis Vives, edizione italiana © 2018 Gallucci editore.
Questo è il senso genuino del 25esimo MedFilm Festival. È un richiamo alla cultura del bello, del giusto, dell’equo, del reciproco, del diverso, dell’accolto. È la cultura dell’umano sentire, vedere, desiderare, realizzare, condividere. Questa edizione, che segna un quarto di secolo della nostra storia, storia che si è svolta a cavallo tra due millenni, e che scandisce il tempo di una generazione, cresciuta nell’avventura della magia del cinema d’autore, si celebra in un momento complicato, sia per l’Europa che per il Mediterraneo.
Tuttavia, il nostro piccolo impegno culturale si fa grande, con coraggio si colloca al centro delle controversie, delle visioni, delle differenze e delle diffidenze. Siamo e ci sentiamo al centro della cultura del Mediterraneo, consapevoli di essere un punto di riferimento per aspirazioni, visioni, lotte e resistenze, speranze, creatività. Facciamo nostro il compito della cultura, dell’arte, dunque del cinema.
Nell’illustrazione generosamente messa a disposizione del festival da Marino Amodio e Vincenzo Del Vecchio (Gallucci editore, Editorial Luis Vives), ecco l’idea dello sguardo attento che scruta il Mediterraneo, lo sguardo della nostra civiltà, della nostra cultura, della nostra umanità, uno sguardo profondo, come la luce del proiettore che muove le immagini sul grande schermo.
Questo sguardo vuole incrociare le migliori volontà dei paesi europei, affinché vivano il Mediterraneo come il loro mare, allo stesso modo di tutti quei paesi che si bagnano nello stesso mare, perché ognuno possa dire: questo è “il mare nostrum”.
Infine, questo sguardo vuole incrociare, soprattutto, i vostri occhi, avidi del buon cinema proposto da questa straordinaria 25esima edizione del MedFilm Festival, in cui ogni film vi spinge a guardare oltre.
Come l’immagine del nostro manifesto.

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *