Settembre in Musica al Teatro dell’Opera di Roma, si parte con Antonio Vivaldi

di Cristian Arni

 

 

foto a cura di chpo

 

 

foto a cura di chpo

Entrate rigorosamente contingentate, precauzioni e sicurezza per lo stato di emergenza dovuto dal Covid- 19, adottate tutte le misure emanate dal Governo per scongiurare il proliferare della pandemia, queste le premesse della serata di Venerdì 28 Agosto all’ingresso del Teatro dell’Opera a Roma.

Dopo una stagione estiva di grande successo trasferitasi nella suggestiva area del Circo Massimo l’altra sera le porte del Teatro Costanzi si sono aperte per: Settembre in musica, programma di concerti con i grandi compositori italiani.

L’Orchestra e dal Coro del Teatro dell’Opera di Roma e dai giovani talenti di “Fabbrica” – Young Artist Program, si sono cimentati, per il primo appuntamento, con un programma interamente dedicato al “prete rosso”, maggiore esponente del barocco musicale italiano: Antonio Vivaldi.

Nonostante la considerevole riduzione dei posti in sala,dovuti ai motivi di sicurezza per contenere il Corona virus, il pubblico presente in platea e nei palchetti, sempre rispettando rigorosamente le misure di sicurezza, non ha mancato di far sentire il proprio gradimento e attenta partecipazione. 

 

foto a cura di chpo

Nella prima parte della serata il programma eseguito dall’Orchestra del Teatro diretta dal solista, Vincenzo Bolognese, è stato con le partiture de “Le quattro stagioni” del compositore veneziano.

Dopo aver ascoltati i movimenti di: Primavera, Estate, Autunno ed Inverno, il pubblico ha applaudito con grande trasporto accompagnando i saluti del Direttore e dell’Orchestra che hanno poi regalano, un prezioso fuori programma scelto da Vincenzo Bolognese, “Il favorito“, Concerto in Mi min. per violino, archi e basso continuo, op.11 n.2, RV 277,  chiamato così perchè, come. spiega Bolognese presentando il brano, pare fosse il pezzo preferito da Vivaldi stesso.

 

 

Nella seconda parte della serata si è proseguito con il programma dedicato a Vivaldi e la sua musica sacra con il “Gloria”; stessa orchestra, qualche elemento musicale in meno ma con la presenza  del Coro del Teatro dell’Opera, insieme ai solisti e alle quattro voci miste collocate sul fondo del palcoscenico e sui palchetti laterali, per un suggestivo effetto stereofonico che ha avvolto il pubblico con le parti cantate.

 

foto a cura di chpo

 

 

Il coro ha eseguito i dodici movimenti che compongono questa ricca e stupenda “liturgia” musicale diretti da Roberto Gabbiani mentre le soliste Agnieszka Jadwiga Grochala, Marianna Mappa, Irene Savignano hanno eseguito i movimenti III, VI, VIII e X.

La nostra impressione è stata più che positiva, un’esperienza con il massimo esponente del genere musicale italiano; la proposta del programma e l’eccellente performance dei musicisti ha reso pienamente le partiture eseguite; il pubblico ha applaudito pienamente richiamando sul palco gli artisti, che si cimenteranno in una serie di nuovi appuntamenti che vi presentiamo qui sotto:

Giovedì 3 e sabato 5 settembre l’Orchestra e il Coro del Teatro dellOpera, diretti dal maestro Paolo Arrivabeni, protagonisti di Tutto Verdi, un programma dedicato ad alcune delle pagine più popolari del compositore di Busseto: da Si ridesti il Leon di Castiglia” fino al Va pensiero”.

Giovedì 1 ottobre, la Petite messe solennelle di Rossini verrà eseguita dallOrchestra e dal Coro del Teatro dellOpera di Roma. Con loro protagonisti i talenti di Fabbrica: nei ruoli solisti canteranno Agnieszka Jadwiga Grochala, Irene Savignano, Rodrigo Ortiz Alessandro Della Morte. Dirige il maestro Jader Bignamini.

Tutti i concerti inizieranno alle ore 20

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.