PREMIO LINDSAY KEMP all’Accademia Nazionale di Danza

segnalazione a cura di Cristian Arni

L’essere umano esprime se stesso e le proprie emozioni attraverso linguaggi: danza, musica, teatro, voce, canto, mimo, pittura, scultura….diversi sono i linguaggi per parlare al mondo. Ben lo sapeva un grande artista del calibro di Lindsay Kemp, questo “essere” quasi alieno e pure così umano e shakespeariano che è approdato sulla terra da dove non si sa! A lui è intitolato il premio che il 13 Luglio si svolgerà all’Accademia Nazionale di Danza, ma andiamo a dare un’occhiata al seguente Comunicato Stampa per capire meglio di cosa si tratta, noi intanto ci congediamo salutandovi ed invitandovi di non perdere questo bel appuntamento: 

 

Sabato 13 luglio dalle ore 21.00 all’Accademia Nazionale di Danza, in occasione del Lunga Vita Festival, andranno in scena la danza e la bellezza nel ricordo dell’indimenticato coreografo e maestro Lindsay Kemp. Sarà proprio il Premio Lindsay Kemp, serata a cura di David Haughton e Daniela Maccari, i due collaboratori più vicini a Kemp, ad aprire i dieci giorni di spettacoli del festival diretto da Davide Sacco, che sarà in scena nel quartiere Aventino fino al 22 luglio.

Tra esibizioni e testimonianze dal vivo e in video, il visionario danzatore britannico rivivrà proprio nel luogo e nel festival in cui realizzò il suo ultimo workshop nell’estate 2018.

Alla serata di gala parteciperà una giuria internazionale, chiamata a premiare il migliore progetto coreografico, selezionato attraverso il Bando Lindsay Kemp, lanciato da Lunga Vita Festival, che meglio rappresenta la filosofia dell’artista britannico

Molti i nomi illustri tra i giurati: Sandy Powell, costumista tre volte Premio Oscar e due volte Bafta, seguita dal compositore Tim Arnold, ultimo musicista ad aver collaborato con il mentore di David Bowie e Kate Bush,  Lindsay Kemp. Al tavolo dei giurati anche l’attrice Veronica Pivetti, il coreografo Luc Bouy, il direttore artistico del Balletto del Sud Fredy Franzutti, seguito da Manuel Parruccini, primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma. E poi ancora il pluripremiato hairstylist Massimo Gattabrusi, la produttrice Patrizia Salvatori, il direttore di Dance Base Edimburgo Morag Deyes, i giornalisti Sara Zuccari (Dirett. Giornale della Danza), Francesca Bernabini (Dirett. Danza Effebi), Massimo Zannola (Attore e Redattore di DanzaSì), Monica Ratti (DanzaSì) e poi ancora gli stessi Haughton e Maccari insieme a Ivan Ristallo, James Vanzo e Alessandro Pucci, in rappresentanza della Lindsay Kemp Company.

“Vogliamo che la serata del 13 luglio sia impregnata dello spirito di Lindsay. Un omaggio, una celebrazione e uno spettacolo, nulla di istituzionale o serioso, poiché il piacere del pubblico, da sempre, è stata la priorità del maestro”. Con queste parole Haughton e Maccari invitano il pubblico a non perdere la serata in onore di Kemp, che sarà omaggiato con dei video collage che riporteranno in vita la sua essenza e la sua forma di magia danzata.

Ad introdurre in modo intimo la serata, saranno la voce e il ricordo di David Haughton, sua spalla per 45 anni, pronto a raccontare qualcosa di Lindsay ma ancor meglio a mostrarlo ancora una volta, sul palco, laddove è sempre stato il suo posto. Poche parole e tanta bellezza mostrata anche attraverso Daniela Maccari, sua danzatrice, coreografa, ispirazione e collaboratrice costante nell’ultima decade di vita del maestro che interpreterà due assoli di Lindsay in continuità con il suo spirito.

Durante il corso della serata sarà consegnato anche un secondo premio, dedicato a Sandy Powell, eccelsa e pluripremiata costumista di fama mondiale, nonché grande amica di Lindsay, per il quale ha realizzato diversi costumi.

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.