LA ROMAOSTIA DEI RECORD

da redazione

 

Sawe Sebastian Kirimu vince la 47^ edizione. Demoliti entrambi i record, maschile e femminile. Su SKY SPORT ARENA, canale 204, dalle ore 12 alle ore 13.30 la gara.

 

Conclusa la 47^ edizione della Roma- Ostia Half Marathon; finalmente dopo due anni di pandemia, speriamo ormai alle spalle, torna il consueto appuntamento con la mezza maratona più bella di sempre. Dopo lo slittamento della precedente edizione, posticipata ad Ottobre scorso per via del Lockdown del 2020, si è tornati a correre la Roma- Ostia a ridosso della Primavera nonostante il colpo di coda dell’Inverno. Ci complimentiamo con l’organizzazione della manifestazione sportiva, con i sanitari e gli Sponsor che hanno reso possibile, come sempre attenti a tutti gli aspetti dell’evento, questa edizione. Ultimo, ma non meno importante un complimento sincero a tutti gli atleti che hanno partecipato a questa manifestazione, ciascuno a suo modo, e soprattutto agli Elite Runner per aver compiuto il tragitto al di sotto dell’ora; vi lasciamo al Comunicato Stampa Ufficiale e alle dichiarazioni degli atleti dei record.

 

Comunicato Stampa

Roma, 6 marzo 2022. Una gara straordinaria che ha visto demolire entrambi i record, maschili (00.58.44) e femminili (1.06.38). Il keniota Sebatian Kirimu Sawe vince con il tempo record di 0.58.02, precedendo l’etiope Gemechu Dida Diriba che registra invece 0.59.21. Terzo il keniota Leonard Langat Kipkoech che giunge al traguardo con 0.59.22. Per tutti il record personale sulla distanza.

Eyob Faniel, primo italiano arriva al traguardo in ottava posizione con 1.00.36.

Passando alle donne: prima Irene Kimais che vince con 1.06.03 sull’etiope Kadir Madina Mehamed (1.07.09), terza Demise Shure Ware, sempre etiope, che arriva con 1.08.17.

Rebecca Lonedo chiude la gara con 1.13.12 prima delle italiane al traguardo.

La gara di oggi registra il secondo tempo dell’anno al mondo maschile. Il sesto tempo di sempre al mondo nella storia, ma soprattutto si conferma la mezza più veloce di sempre su suolo italiano con ben sei atleti scesi sotto l’ora, a testimonianza dell’eccezionalità di questa edizione.

Le dichiarazioni:

Sebatian Kirimu Sawe – primo uomo al traguardo

Questa di oggi è la mia seconda gara in Europa, le condizioni per correre erano fantastiche. Sono felice ed emozionato per questo risultato ottenuto. Da oggi si aprono per me orizzonti incredibili.”

Irene Kimais – prima donna al traguardo

Sono felicissima di questo successo. Non avevo mai corso in un contesto simile. Ho fatto il mio personale e il record del percorso, cosa volere di più oggi! Se devo analizzare questa prova, ammetto di essere partita troppo velocemente e di aver fatto un po’ di fatica negli ultimi 3 chilometri. Ma il calore del pubblico mi ha aiutata a finire al meglio la gara”.

Eyob Faniel – primo italiano al traguardo

Sono soddisfatto del risultato di oggi. La risposta che volevo in vista di Boston. Si torna in Kenia già nei prossimi giorni. Abbiamo ancora tanto da fare”.

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.