Gala Les étoiles: Sharing the Joy of Dance/ Gala Les Etoiles: condividendo la gioia della Danza

Ringraziamo la nostra collaboratrice, Tatiana Senkevitch, che da Parigi ha redatto questo articolo dove ci parla del Gala Les Etoiles curato da Daniele Cipriani, al quale ha assistito personalmente; andiamo a vedere cosa ci racconta Tatiana Senkevitch in proposito. Il testo originale è redatto in lingua inglese, ma sotto, dopo la versione in inglese, sotto la photo gallery potrete trovare la relativa traduzione in italiano.

DISCLAIMER: Le immagini e le foto presenti in questo articolo sono tutelate da copyright per tanto per ognu utilizzo o riferimento riferirsi ai singolo autori delle stesse indicati nelle foto, ringraziamo per la concessione l’Ufficio Stampa dell’orgnanizzazione per averci fornito le immagini qui pubblicate.

 

 

di Tatiana Senkevitch, da Parigi

What makes a ballet gala fully embody the meaning of its qualifier? The word “gala” comes from 17th-century court culture and signifies, in French and Italian, a festive occasion or a state of rejoicing. In current terms, however, an assemblage of dancers-stars performing their most head-turning pieces does not guarantee achieving a coherent stage form. Might there be occasions, dancers, and curators capable of bringing together a motley collection of pieces to rise to the level of a true spectacle?

The annual ballet gala this year in Rome, under the striking title Les étoiles, offered some preliminary answers to these questions. Curated by Daniele Cipriani for almost ten years now, the programs of Les étoiles bring stars of grand caliber to the national capital every winter season. Cipriani sees his mission as delivering to the public a carefully selected constellation of stars in the different stages of their careers and, consequently, cultivating the taste of the Roman public towards the appreciation of the refinements of today’s dancing styles, especially those based on classical tradition.

The 2022 Gala was a festive occasion of special magnitude. Held on the 30th and 31st of January in the Auditorium of the Parco della musica, it became one of the first international dance events occurring live at the threshold of the receding pandemic. After being postponed for two years, Les Étoiles celebrated more than an opportunity to see an exquisite group of dancers on the same stage—this is what normally a gala would do—but also a distinct faith in the power of art to reunite dancers and the public after months of theater closures and the uncertainties in dancing practice caused by COVID.

One of the key secrets of success to this gala was the selection of dancers.

The Gala 2022 assembled twelve dancers representing leading companies from three continents: Eleonora Abbagnato and Matthieu Ganio (Paris Opera Ballet), Fumi Kaneko, Vadim Muntagirov, and Natalia Osipova (The Royal Ballet, London), Sergio Bernal (National Ballet of Spain), Calvin Royal III and Cassandra Trenary (The American Ballet Theatre), Ana Sophia Scheller (formerly, The New York City Ballet), Luis Valle (Nice Opera), Daniil Simkin (Berlin Statsballet). Maia Makhateli (Het National Ballet) topped this list at the last moment, as the surprise star of the 2022 version. Cipriani often introduces such wondrous elements to his programs.

This propitious constellation of stars defined the program that wove together different and, at times, disparate dance styles. Each performer appeared at least twice during the three-hour long event. As usual for galas, the program firmly stood on the pillars of classical pas de deux—the Black and the White from Swan Lake, those from GiselleLe Corsaire, Esmeralda, and Don Quixote—interspaced with contemporary classical, character, and modern pieces.

The appearance of Eleonora Abbagnato, currently Artistic Director of the Ballet of the Opera Di Roma, became a linchpin of the evening. Always a radiant performer, she and Matthieu Ganio shone in two pas de deux from the late-twentieth-century dance canon, such as from Le Rendez-vous, choreographed by Roland Petit in 1945, and Le Parc, choreographed by Angelin Preljocaj in 1994. Both dancers delivered a performance of penetrating lyrical force. The neorealist concreteness of Le Rendez- vous that opened the evening reminded the public that the art of dance persisted through many disastrous moments in recent history, such as wars or the pandemic. The fragment from Preljocaj’s iconic ballet Le Parc, with its final adagio from Mozart’s 23rd Piano Concerto, stood out as a sensational experience of dance, elevated and elevating.

Several pièces d’occasion, which interspersed classical pas de deux, underscored the personal styles of dancers who opted for solos, such as Simkin’s jazzy speed in Pacopepepluto, Bernal’s Apollonian reserve in Le Roi Danse, and the Matisse-like tonality of movements in Osipova’s monologue in Ashes. Whatever ballet purists may think about Osipova’s current balletic form, she conquers her audience with sweeping, raw emotions often-running counter to the canons of classical dance.

Traditionally, the pas de deux is a preferred medium of ballet’s galas, fitting to the genre’s philosophy. In familiar classical pieces, the viewer seeks novelty of artistic interpretation paired with technical brilliance. Cassandra Trenary’s interpretation of Giselle in the pas de deux from the second act (with Calvin Royal III as her partner) was genuine and transparent, and fully supported by the ballerina’s airy jumps.

Fumi Kaneko and Vadim Muntagirov, who presented the white and black pas de deux from Swan Lake, faced not only the challenge of dancing the enduring classic but also to perform it in costumes created specifically for this event by the renowned Italian designer Roberto Capucci. The invitation of Capucci to the event is one of Cipriani’s inventions thrilling to the audience and dancers as well, however tricky it might be to marry runway high fashion with the mere technical demands for stage costumes that should feel like a second skin for dancers. Kaneko and Mintagirov danced with great elegance and precision, fitting for the occasion. Along with presentation of costumes designed for the occasion by Capucci, Cipriani engaged Laura Bosetti Tonatto, the internationally renowned olfaction artist, to create scents representing the white and the black swans from Tchaikovsky’s ballet.

Ana Sophia Scheller and Louis Valle appeared in Azari Plisetsky’s version of the legendary Soviet ballet Spartacus, one that is rarely seen in the West, and in the pas de deux from the Petipa/Coralli Esmeralda, a ballet that virtually disappeared from the repertoires of the major dance companies. The couple let the viewer appreciate the difference between the male and female components of a classical pas de deux in the technical and aesthetic senses, given that this effect that retains something of its appeal for contemporary audience.

Cipriani, however, transformed the traditional “masculine-feminine” parabola in the pas de deux by including a recent piece by Christopher Rudd, an American choreographer. Rudd created Touché, a short ballet filled with dramatism and personal allusions, as a video production, working with dancers by distance during the high COVID era. The European premiere of this work in Rome, which was danced in penetrating fashion by Sergio Bernal and Kevin Royal III as Adam and Steve, brought a resonant allusion to reality into the insulated world of shimmering tutus and glacial poses characteristic of classical ballet. More importantly, Touché narrated a story of a relationship between two people that left no one indifferent.

The coda of the evening showed, however, how the “familiar” classics could transcend expectations. The Wedding pas de deux from Don Quixote, danced by Maia Makhateli and Daniil Simkin, prompted the public gasp not only because both dancers performed the virtuoso cadenza on top of the regular technical passages but mostly because they interlaced their technical prowess with great artistic content and grace. As the surprise star, Makhateli offered to the public her incandescent joy in dancing, something that became a leitmotif of the event. Joy was the vital link that brought public and the performers together for two unforgettable evenings in Rome. The 2022 version of Les Etoiles confirmed that no pause could stop dance’s irrepressible force.

Versione in italiano:

Cos’è che rende pienamente il significato del termine galà di balletto? La parola “gala” deriva dalla cultura di corte del XVII secolo e significa, in francese e italiano, un’occasione di festa o uno stato di giubilo. In termini attuali, tuttavia, si tratta di un assemblaggio di ballerini-star che eseguono i loro pezzi più sbalorditivi indipendentemente dal raggiungimento di una forma scenica e narrativa compiuta. Potranno esserci occasioni, per ballerini e curatori, in grado di riunire un insieme eterogeneo di pezzi tali per un vero spettacolo di senso compiuto?

L’annuale appuntamento con il Galà del balletto, dal sorprendente titolo Les etoiles, quest’anno a Roma, ha offerto alcune risposte preliminari a questa domanda. Curato da quasi dieci anni da Daniele Cipriani, i programmi di Les étoiles portano nella capitale stelle della danza di grande calibro.

La missione di Cipriani è di consegnare al grande pubblico una costellazione di interpreti accuratamente selezionati e, di conseguenza, far coltivare al pubblico romano il gusto verso l’apprezzamento delle raffinatezze degli stili di ballo odierni, in particolare quelli basati sulla tradizione classica.

Questa edizione 2022 è stata un’occasione festiva speciale. Tenutosi il 30 e 31 gennaio presso l’Auditorium del Parco della musica, è diventato uno dei primi eventi internazionali di danza dal vivo all’indomani pandemia da Covid. Dopo essere stato posticipato di due anni, Les Étoiles è stata un’opportunità per vedere uno squisito gruppo di ballerini condividere lo stesso palco – questo è ciò che si intende normalmente appunto con il termine gala – ma è stata anche una dimostrazione di fede nel potere dell’arte di riunire ballerini e pubblico dopo mesi di chiusura dei teatri e le incertezze nella pratica del ballo causate dal COVID.

Uno dei segreti chiave del successo di questa edizione del gala è stata proprio la selezione dei ballerini.

Il Gala di quest’anno ha riunito dodici ballerini in rappresentanza di importanti compagnie provenienti da tre continenti: Eleonora Abbagnato e Matthieu Ganio (Paris Opera Ballet), Fumi Kaneko, Vadim Muntagirov e Natalia Osipova (The Royal Ballet, Londra), Sergio Bernal (National Ballet of Spain), Calvin Royal III e Cassandra Trenary (The American Ballet Theatre), Ana Sophia Scheller (ex The New York City Ballet), Luis Valle (Nice Opera), Daniil Simkin (Berlin Statsballet). Maia Makhateli (Het National Ballet) è stata lei la star a sorpresa dell’ultimo momento, in questa edizione 2022. Cipriani inserisce spesso elementi a sorpresa nei suoi programmi.

Questo il programma definitivo di questa edizione 2022 del galà Les Etoiles che ha intrecciato stili di danza diversi e, a volte, lontani tra loro. Ogni artista è apparso almeno due volte nel corso dell’evento. Come di consueto per i galà, il programma si è soffermato sui pilastri del repertorio classico con i pas de deux – il Nero e il Bianco del Lago dei cigni, quelli di Giselle, Le Corsaire, Esmeralda e Don Chisciotte – intervallati da brani contemporanei classici, di carattere e moderni.

La presenza di Eleonora Abbagnato, attualmente Direttore Artistico del Balletto dell’Opera Di Roma, è stato il fulcro della serata. Artista radiosa, lei e Matthieu Ganio brillavano in due pas de deux dal canone della danza di fine Novecento, come da Le Rendez-vous, coreografato da Roland Petit nel 1945, e Le Parc, coreografato da Angelin Preljocaj nel 1994. Entrambi i ballerini hanno eseguito un’esibizione di penetrante forza lirica. La concretezza neorealista di Le Rendez- vous che ha aperto la serata ha ricordato al pubblico che l’arte della danza è perdurata in molti momenti disastrosi della storia recente, come le guerre o la pandemia. Il frammento dell’iconico balletto di Preljocaj Le Parc, con il suo adagio finale del 23° Concerto per pianoforte di Mozart, si è distinto come un’esperienza di danza sensazionale, elevata ed esaltante.

I diversi brani presentati, che intervallavano il classico pas de deux, hanno sottolineato gli stili personali dei ballerini che hanno optato per gli assoli, come la velocità Jazz di Simkin in Pacopepepluto, la raffinatezza di Bernal in Le Roi Danse e la tonalità dei movimenti simile a Matisse in Osipova nel monologo in Ashes. Qualunque cosa i puristi del balletto possano pensare dell’attuale forma di Osipova, lei conquista il suo pubblico con emozioni profonde e crude, spesso in contrasto con i canoni della danza classica.

Tradizionalmente, il pas de deux è il mezzo preferito per i galà di balletto, in linea con la filosofia del genere. In brani classici familiari, lo spettatore cerca la novità dell’interpretazione artistica unita alla brillantezza tecnica. L’interpretazione di Cassandra Trenary di Giselle nel passo a due del secondo atto (con Calvin Royal III come suo partner) era genuina e trasparente, e pienamente supportata dai salti ariosi della ballerina.

Fumi Kaneko e Vadim Muntagirov, che hanno presentato il passo a due bianco e nero del Lago dei cigni, hanno affrontato non solo la sfida di ballare un classico intramontabile, ma anche di eseguirlo in costumi creati appositamente per questo evento dal famoso designer italiano Roberto Capucci. L’invito di Capucci all’evento è una delle invenzioni di Cipriani che entusiasma anche il pubblico e i ballerini, per quanto complicato possa essere sposare l’alta moda delle passerelle con le semplici esigenze tecniche di costumi di scena che dovrebbero sembrare una seconda pelle per i ballerini. Kaneko e Mintagirov hanno ballato con grande eleganza e precisione, adatti all’occasione. Oltre alla presentazione dei costumi disegnati per l’occasione da Capucci, Cipriani ha incaricato Laura Bosetti Tonatto, artista dell’olfatto di fama internazionale, di creare fragranze che rappresentano i cigni bianchi e neri del balletto di Ciajkovskij.

Ana Sophia Scheller e Louis Valle sono apparsi nella versione di Azari Plisetsky del leggendario balletto sovietico Spartacus, che si vede raramente in Occidente, e nel pas de deux di Petipa/Coralli Esmeralda, un balletto praticamente scomparso dai repertori delle grandi compagnie di ballo. La coppia ha permesso agli spettatori di apprezzare la differenza tra la componente maschile e quella femminile di un classico pas de deux in senso tecnico ed estetico, dato che questo effetto conserva qualcosa del suo fascino per il pubblico contemporaneo.

Cipriani, invece, ha trasformato la tradizionale parabola “maschile-femminile” nel pas de deux inserendo un recente pezzo di Christopher Rudd, coreografo americano. Rudd ha creato Touché, un breve balletto pieno di drammaticità e allusioni personali, produzione video, lavorando con ballerini a distanza durante l’era del COVID. La prima europea di quest’opera a Roma, che è stata ballata in modo penetrante da Sergio Bernal e Kevin Royal III nei panni di Adam e Steve, ha portato una sonora allusione alla realtà nel mondo isolato di tutù scintillanti e pose glaciali caratteristiche del balletto classico. Ancora più importante, Touché narra la storia di una relazione tra due persone.

Il finale della serata ha mostrato, però, come i brani classici più “familiari” potessero trascendere le aspettative. Il passo a due di nozze di Don Chisciotte, ballato da Maia Makhateli e Daniil Simkin, ha suscitato il sussulto del pubblico non solo perché entrambi i ballerini hanno eseguito la cadenza del virtuoso oltre ai regolari passaggi tecnici, ma soprattutto perché hanno intrecciato la loro abilità tecnica con un grande contenuto artistico. Come star a sorpresa, Makhateli ha offerto al pubblico la sua gioia incandescente nel ballare, qualcosa che è diventato un leitmotiv dell’evento. La gioia è stata il legame vitale che ha unito pubblico e interpreti per due indimenticabili serate a Roma. La versione del 2022 di Les Etoiles ha confermato che nessuna pausa o stop può fermare la forza irrefrenabile della danza.

 

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *