FOCUS SULL’ISOLA DI SHIKOKU

da redazione

Approfondiamo il “nostro viaggio” nell’isola di Shikoku con questo ulteriore approfondimento che ci arriva direttamente da https://jfroma.it/isola-del-giappone-viaggio-nello-shikoku/

 

La partecipazione di JNTO – Ente Nazionale del Turismo Giapponese sarà accompagnata da uno speciale focus sull’isola di Shikoku, in cui è ambientato il film in programma. Collegata all’isola principale dello Honshū e alle isole del Mare Interno di Seto dalla Shimanami Kaidō, una strada costeggiata da una ciclabile lunga 70 km, Shikoku è la più piccola delle quattro isole principali 5 dell’arcipelago giapponese. Le quattro prefetture (Tokushima, Ehime, Kōchi e Kagawa) che la compongono sono un portale per un Giappone di altri tempi, dove la tradizione unisce le persone. Teatro di opere letterarie e importante meta di pellegrinaggio da secoli, celano una natura incontaminata, sempre protagonista, che si tratti di arte, relax o avventure outdoor. La nascosta Valle di Iya, innervata da ponti realizzati con tralci di glicine, è uno dei luoghi più inaccessibili di tutto il Paese ed è il luogo ideale per un viaggio nel segno dell’avventura; il Ritsurin Kōen, invece, è uno tra i più raffinati giardini giapponesi, dove quiete ed eleganza la fanno da padrone. Il gusto per il bello si respira anche sull’isola di Naoshima, costellata dalle opere dell’archistar ANDŌ Tadao e casa dell’iconica zucca a pois di KUSAMA Yayoi. Storia e spiritualità si intrecciano in un pellegrinaggio circolare che attraversa tutte le prefetture della regione, toccando 88 templi sulle tracce del monaco Kukai, fondatore della scuola Buddista Shingon. Il pellegrinaggio si traduce spesso in un’esperienza di scambio con la comunità locale: non è raro che i pellegrini, secondo l’usanza dell’osettai, ricevano gesti di gentilezza dagli abitanti del posto, come una bibita fresca in una calda giornata di sole, o uno spuntino per rifocillarsi lungo il cammino. Il calore delle comunità locali si sente anche a Kamikatsu, piccola località della prefettura di Tokushima balzata agli onori delle cronache per l’impegno riversato nella filosofia zero waste, in un legame profondo con il territorio che si percepisce anche nella gastronomia della regione, come nei Sanuki udon, popolarissima variante degli udon della prefettura di Kagawa. Il rispetto per l’ambiente si respira anche nella prefettura di Kōchi, dove le acque del fiume Shimanto scorrono indisturbate dalle attività umane attirando ogni anno gli appassionati di pesca e di attività all’aria aperta, così come a Muroto, città designata Geoparco Mondiale UNESCO impegnata nel turismo ecosostenibile. Sull’isola di Shikoku c’è spazio anche per relax e benessere: sono quindici le località termali che ne costellano il territorio, tra cui Dogo Onsen, dalla storia millenaria, i cui edifici hanno ispirato MIYAZAKI Hayao nella realizzazione de “La città incantata”.

Author: helenaaultman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *