DELLA GRANDE PESTE E DI PICCOLE PESTI

Introduzione, Editing e Copywriting Cristian Arni

 

Iniziano a girare, in realtà già da giorni girano voci, di possibili farmaci, cure, sperimentazione di vaccini, terapie mediche combinate, sparse a macchia di leopardo sullo scacchiere mondiale; in Sud Corea, Cina, Russia, Giappone, USA…ai “rimedi della nonna” si alternano le “cure” fai da te; i “guru” del web propongono ricette improbabili: acqua calda, acqua calda con limone, aglio, cipolla….NOI di CHPO ci discostiamo da questi rimedi “alternativi”, da questi “provetti”, casalinghi cerusici, pur considerando il fatto che l’aglio da sempre è considerato un antitumorale, contiene allicina, sostanza le cui proprietà sarebbero benefiche per la salute umana INDIPENDENTEMENTE dal Covid-19; per quanto riguarda acqua calda e limone, anche qui da sempre sappiamo essere un “canarino” eccellente, per la digestione, per basificare il plasma, alcalinizzandolo ne diminuisce l’acidità, acqua e limone fa bene al di là del Covid-19, queste NON sono terapie contro il virus, ma sistemi quotidiani di cura personale che si possono adottare come no. Quindi, bando alle chiacchiere possiamo dire con una certa fermezza che si, la Vitamina C fa bene, a patto di assumerne 1 gr. al dì, meglio ancora se in compresse masticabili da sciogliere in bocca, o mediante una spremuta di arancia, ecco, specie ora che nelle Farmacie scarseggia, come scarseggiano, farmaci, mascherine, guanti, alcool…strano ma prima di questa emergenza sanitaria se ne trovava a pacchi, ora neanche l’ombra, prova fatta oggi in giro! La Vitamina C va bene ma NON è la cura al Corona virus, ecco, come per gli altri rimedi di cui sopra, vanno bene al di fuori del corona virus ma non immunizzano contro di esso nè lo guariscono o ne costituiscono un rimedio. (Le indicazioni qui sopra descritte sono il risultato di esperienza comune secondo pareri medici diffusi, non costituiscono nessun rimedio, nè consiglio o sostituzione di terapie farmacologiche, mediche, nè sono consigli da seguire senza il parere del proprio medico curante; le parole qui sopra spese, sono solo a carattere illustrativo per una attenta riflessione in merito, non ci assumiamo assolutamente la responsabilità nè di comportamenti nè di metodi di cura da adottare, discostandoci palesemente da tale volontà meramente indicativa).

 

 

 

Rubrica a cura del Prof.Antonio Saccà

post del 21/03/2020

Ho vissuto un sogno, meraviglioso, che ritornava la vita comune di tutti i giorni andati, fastidiosa, noiosa, ma non così ostacolata come oggi, sicchè mi appariva meravigliosa, se volevo tornare a casa tornavo a casa, se volevo incontrare la gente incontravo la gente, quando volevo stare solo, stavo solo, se volevo scorazzare per negozi scorazzavo per negozi, se volevo stringere la mano stringevo la mano…Adesso non vivo quel che vorrei vivere e vivo quel che non vorrei vivere…Passerà, dicono, ma la vita è nel presente e in questo presente vivo quel che non vorrei vivere, non vivo quel che vorrei vivere, e non riesco ad immaginare che cambierà questa irregolare condizione, questo presente muore di se stesso,non vede il futuro e non mi insorge neanche voglia di immaginarlo , oltre che uccidere stanca chi vive…Vorrei spegnere il tempo, dormire, svegliarmi nel mondo del passato, invece devo attraversare questa palude intossicata dove il respiro è mortale…Non bastava la morte vecchia, perché inventare quest’altra morte? Uomini uccisi a mazzi, gettati nei bruciatoi così…Dormire, spegnere la coscienza di questo morbo, risvegliarmi in un mondo difficile, malvagio, cattivo ma quello che conoscevo… Dormire e svegliarmi in un mondo cattivo, sia, ma che non toglie all’uomo la compagnia dell’uomo … Ho vissuto un sogno meraviglioso…Vi sono informazioni innumerabili, interessanti, discordanti, stravaganti, e che vorrebbero essere risolutive, torna l’ipotesi che il virus non è di laboratorio ma di fonte animale, i noti pipistrelli, molti insistono nel confermare che le morti non sono da virus ma il virus collabora alla morte di diabetici, disturbati nella circolazione, enfisematici…Il virologo Luigi Tarror reputa la disorganizzazione ospedaliera, mancanza di materiale necessario, responsabile della situazione, si pone sempre la questione che donne, bambini, paesi caldi sono meno infestati, si vedrà meglio se in estate il virus sparisce anche da noi, nel qual caso esso è legato all’influenza ma in forma molto mutevole e perniciosa, ma su quest’ultimo aspetto vi sono opinioni discordi,alcuni negano del tutto l’esistenza del contagio, presumono che il virus faccia parte del nostro bagaglio personale di virus, bacilli… e dunque si tratterebbe di fare vita sana, alimentazione sana, movimento… Vi sono i sostenitori della vitamina C…

 

 

21 marzo del 2020, morti in folla nel Nord, non si riesce a fermare queste tragiche successioni di vittime ,le misure di restrizione delle uscite, contro lo stare insieme non hanno conseguito alcun risultato favorevole, si accusa l’inefficienza della Protezione civile, la mancanza di mascherine, di apparecchi respiratori, l’assurdo di fare restare in casa coloro che risultano positivi al virus e quindi costoro contaminano i familiari ,credo che vi sia questa accusa , non si compie un isolamento radicale di uno e basta…Anche la Russia che pare abbia un antivirus a disposizione perchè è stata essa a diffonderlo(!)… Alcuni invocano l’intervento dell’esercito, la militarizzazione, il coprifuoco,restrizioni, la prigione…il risultato è che i supermercati hanno file da stadio, la gente ha timore di essere reclusa, d’altro canto hanno ridotto gli orari di apertura concentrando gli afflussi…Certo, la gente si sente imprigionata e abituata a fare i comodi propri…Ma fino ad oggi le strettoie non sono servite a niente… Gli Stati Uniti hanno avuto il raddoppio dei contagi, la Spagna 20000 in pochi giorni, meno Francia ,Germania, Inghilterra ma comunque hanno pure loro i conteggi. Resta enigmatica la situazione del meridione d’Italia e dell’Africa, poco infetti, ancora.C’è chi sostiene che questo morbo l’abbiamo preso o lo prenderemo tutti, la differenza sarà tra chi lo regge e chi non lo regge. Un incubo, quando uno si sveglia, sparisce,no, il contrario , quando dormi sparisce,ritorna quando ti svegli, ma non è un incubo, è la realtà.Non stiamo dando una bella immagine di noi, era necessario sapendo quel che era accaduto in Cina, mettere in campo ogni forza, ed invece perfino al presente difettiamo di mascherine, respiratori, posti! In America stanziano mille miliardi, decisamente temono una crisi da stramazzare. Anche questa:che il virus viene dai laboratori di Wuhan e da laboratori del lodigiano relazionato con Wuhan, da ciò la particolare incandescenza virale in Lombardia. Ed ancora: non sarebbe possibile un vaccino contro questi virus, che si comporterebbe come un raffreddore e sarebbe mutevole. Un presente scomodo, abbiamo energie ma siamo disorientati. Non è successo il finimondo , ma non decifriamo la situazione. Siamo al grado massimo, agli inizi, gettiamo l’ancora, invece proseguiamo, tra dieci giorni, tra venti, tra un mese… Devi volere, se vuoi, continuare a vivere anche quando la citazione opprime, nonostante natura e società paiono avventi per negarti l’amore per la vita e la stessa vita.

 

 

 

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.