COMUNICATO STAMPA – III MUNICIPIO – CAUDO, PRATELLI: “NONOSTANTE SOLLECITI, RISCHIO SCUOLE AL FREDDO PER MANCATA MANUTENZIONE IMPIANTI DI RISCALDAMENTO”

a cura di Cristian Arni

Con l’estate 2019 ormai alle spalle possiamo dire di stare avviandoci verso l’autunno; le prime piogge, i primi refoli di vento e le foglie che ingialliscono sono segnali che la stagione fredda si avvicina sempre più. E’ vero che alle nostre latitudini non possiamo dire di vivere inverni particolarmente, glaciali, ma è altresì vero che non per questo dobbiamo privare i nostri ragazzi del comfort di classi accoglienti e calde, dove sostare metà della loro giornata seduti ai banchi di scuola, fermi. Questo significa che corpo e mente devono essere in grado di sopportare le ore in classe in condizioni ottimali e non in circostanze disagevoli, pena la concentrazione, la salute e il rischio di perdere anche il desiderio di imparare. Allora riceviamo il Comunicato Stampa dalla Segreteria di Presidenza del III Municipio che pone l’attenzione sulla questione del riscaldamento delle classi, nonostante i ripetuti solleciti fatti per garantire la massima manutenzione non è stato compiuto ancora il minimo sopralluogo per verificare lo stato degli impianti di riscaldamento. In uno Stato civile, democratico e di Diritto ci si aspetta che si abbiano maggiore cura e attenzione, specie per le future generazioni. Segue il Comunicato Stampa con gli interventi del Presidente del Municipio III, Giovanni Caudo e dell’Assessora alla scuola, Claudia Pratelli.

COMUNICATO STAMPA

III MUNICIPIO – CAUDO, PRATELLI: “NONOSTANTE SOLLECITI, RISCHIO SCUOLE AL FREDDO PER MANCATA MANUTENZIONE IMPIANTI DI RISCALDAMENTO”

“Grave mancanza di risposte a reiterate segnalazioni di criticità nei plessi scolastici”

Roma, 24 settembre 2019 – “Nonostante i reiterati solleciti e un piano dettagliato sullo stato degli impianti termici delle scuole del III Municipio, evidenziando le situazioni di maggiori criticità, nessuna manutenzione è stata fatta. Ora occorrono misure straordinarie per gestire situazioni del tutto ordinarie”. Queste le parole di Claudia Pratelli, Assessora alla scuola del III Muncipio, in una nota a seguito della conclusione dei lavori della Commissione Scuola, aperta anche agli assessori municipali, che si è svolta questa mattina in Campidoglio.

“Poche cose – continua la Pratelli – sono certe nella vita come l’avvicendarsi delle stagioni e l’arrivo dell’inverno. Non è una cosa che dovrebbe coglierci impreparati come invece, praticamente ogni anno, accade. Questa mattina abbiamo appreso che la situazione è ben lungi dall’essere risolta, per problemi tra il Comune e la ditta affidataria. Questo, nonostante l’invio di ben 6 lettere nel corso dell’anno scolastico precedente, da parte del III Municipio all’assessora Gatta, allora competente in materia, al SIMU e, infine, anche alla Sindaca Raggi finalizzate alla segnalazione di problemi fisiologici legati al malfunzionamento o al deterioramento degli impianti e della rete di distribuzione. Nessuna risposta è, di fatto, seguita ai nostri solleciti. Inoltre, dopo un incontro col SIMU, abbiamo prodotto una mappa delle situazioni più critiche investendo di questa funzione il nostro ufficio tecnico imponendogli carichi di lavoro anche pesanti senza che nulla venisse fatto per impedire l’emergere di situazioni di crisi. Ora, se  non si interviene in maniera tempestiva, le nostre scuole rischiano di rimanere chiuse. In questo caso, però, se dovesse venire attuata una simile misura, il diritto alla scuola e allo studio sarebbero negati con gravi ripercussioni sulle vita delle famiglie. Ora ci auguriamo che la nuova Assessora Meleo prenda in mano questo problema e risponda subito a questa nuova, pur evitabile, emergenza e che si prenda atto della gravità della mancanza di risposte anche sul piano delle relazioni istituzionali”.

“La scuola riveste un ruolo cruciale nella formazione di bambini e ragazzi. Molto di ciò che domani saranno dipende da ciò che vivranno, vedranno e impareranno in questo luogo. Il modo in cui trattiamo queste strutture e lo stato di abbandono in cui spesso si lascia che restino, invia un messaggio inequivocabile che questo paese e soprattutto questa città non può permettersi di lanciare” conclude Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio.

Author: Cris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.